Elementi e tipologie di cuscinetti moto

In: Blog MotoStorePremium Commenti: 0 Visite: 49

I cuscinetti hanno la funzione di compensare gli attriti tra le varie componenti della moto, e sono posti nei punti in cui ci sono le superfici in scorrimento. Nella moto si trovano nel telaio, nei mozzi ruota o nel canotto di sterzo, poi sono presenti anche nel propulsore. Tra le diverse tipologie di cuscinetti, ci sono quelli a rotolamento, detti volventi, e a strisciamento, chiamati pure bronzine.

I primi sono cuscinetti a sfere collocati in determinati punti della moto, come nei mozzi ruota. Affinché svolgano al meglio la loro funzione vengono lubrificati con dei grassi specifici, ad esempio nel motore si unge a nebbia d'olio. Questo tipo di cuscinetto è il meno economico, in quanto è formato da due anelli tra cui ci sono rulli conici che consentono un corretto scorrimento tra gli anelli. Invece i cuscinetti a strisciamento sono unti con il grasso del sistema di lubrificazione, si presentano a forma di semiguscio con un foro e un ingresso interno che agevola il passaggio dell'olio. Si tratta del modello meno costoso e al contempo garantiscono una minore rumorosità di funzionamento.

Ci sono poi i cuscinetti radiali e assiali, chiamati così per la direzione in cui viene trasmesso il carico. Si scelgono in base al loro ambito di applicazione, ad esempio i cuscinetti radiali a sfere sono usati su moto, go-kart e su vetture capaci di raggiungere altissime velocità, e quindi assicurano una grande scorrevolezza, il minimo attrito, le massime performance alla guida, una grande stabilità e resistenza su strada. Per quanto riguardo le sue componenti, il cuscinetto è composto da due anelli (uno interno e l'altro esterno), da oggetti volventi a forma di rulli e da una gabbia che separa gli elementi volventi. Quest'ultimi si classificano in rulli, sfere o coni, e sono composti da acciaio speciale, da ceramica o plastica. Inoltre svolgono la loro funzione sulle piste di rotolamento degli anelli e vengono disgiunti dalla gabbia. Essa infatti è stata creata proprio per questo: separare gli elementi solventi e manovrarli. Viene realizzata solitamente in ottone, acciaio e plastica.


Lubrificazione dei cuscinetti della ruota moto


I cuscinetti sono stati realizzati per diminuire l'attrito tra le componenti, una di queste compie un movimento di rotazione rispetto alle altre. Come già detto in precedenza, ciò che provoca l'usura dei cuscinetti è anche una mancata lubrificazione, l'utilizzo di un lubrificante non idoneo e l'ingresso di elementi esterni, dunque da qui si può capire l'importanza dell'utilizzo di un lubrificatore di qualità, che sia adatto alle caratteristiche dell'elemento in questione. Innanzitutto, si procede con la pulizia del cuscinetto, con la rimozione di eventuali incrostazioni e il lavaggio delle componenti interne ad esso: questa operazione rappresenta un passaggio fondamentale per una buona manutenzione.

Per pulire in modo corretto il cuscinetto occorre bloccare i due anelli che lo compongono affinché non ruoti, e per fare ciò si usa un pennello e un lubrificante, come https://www.motostorepremium.com/accessori/11195-product-care-smook-look-multitop-400-ml.html ,un prodotto realizzato per assicurare lo sblocco di parti metalliche e l'eliminazione della ruggine, essendo idrorepellente e proteggendo le componenti dall'umidità. Inoltre è caratterizzato da proprietà anticorrosive e ha un alto potere lubrificante. Questo prodotto è molto indicato anche nel caso in cui il cuscinetto sia rimasto fermo da tempo e faccia resistenza al movimento, dopodiché si può procedere all'ultima passata di lubrificazione. Anche i cuscinetti come altre parti della moto, come il motore, hanno bisogno di essere oliati per semplificare il movimento di rotazione degli elementi volventi.

Innanzitutto si procede a lubrificare la parte interna del cuscinetto e la gabbia. Esistono due modi per oliare i cuscinetti: utilizzo di lubrificazione ad olio e a grasso a seconda dell'andatura di rotazione, della temperatura di movimento e di altri fattori meccanici. Una buona operazione può essere effettuata con prodotti, come https://www.motostorepremium.com/accessori/11197-product-care-smook-look-lithium-grease-400ml.html?search_query=Grasso&results=4 . Si tratta di un lubrificante (grasso al litio) dalle ottime capacità adesive e protettive, che non contiene silicone, facilita il funzionamento delle componenti e risulta essere molto aderente. Grazie alla sua componente densa consente una lubrificazione durevole e e confortevole, diminuendo anche il fattore di frizione. Se il cuscinetto necessita di essere sostituito, risultando rumoroso o surriscaldandosi troppo, le operazioni devono essere eseguite in modo accurato e diversificato in base al montaggio e al meccanismo.

È frequente l'utilizzo di un estrattore a vite e di un lubrificante, come https://www.motostorepremium.com/accessori/11193-product-care-smook-look-unlocking-400-ml.html?search_query=Sbloccante+&results=2 , che è stato studiato per sbloccare le componenti meccaniche, semplificare lo sbloccaggio delle viti, eliminando il fenomeno di incastro tra le superfici. Penetra facilmente, liberando i pezzi in modo rapido ed efficace. La sua formula resistente all'acqua è stata testata anche in casi più complessi, come l'ossidazione.

Commenti

Lascia il tuo commento